3 titoli azionari che hanno generato un segnale ribassista a Piazza Affari

Siamo giunti in un punto nodale dei mercati con alcuni oscillatori di breve leggermente tirati che potrebbero portare ad una fase laterale oppure a un ritracciamento. Attenzione però, il consiglio è sempre quello di seguire la tendenza e di non anticipare alcun segnale. Qual è il motivo di questa scelta operativa?

L’ipercomprato può durare per giorni e settimane senza portare a un’inversione ribassista, anzi potrebbe alimentare la forza anche di ulteriori rialzi.

Cosa attendere da ora in poi? Domani scadrà un setup e la chiusura di contrattazione darà indicazioni almeno fino al 26 novembre (prossimo setup del mese in corso).

Frattanto ora andiamo a studiare 3 titoli azionari che hanno generato un segnale ribassista a Piazza Affari.

La scelta dei nostri Trading Systems è basata sullo scrupoloso studio dei  grafici e su una strategia elaborata con un criterio di risk reward a favore.

I titoli sono i seguenti: ENEL, Generali Assicurazioni e Italgas (MIL:IG).

3 titoli azionari che hanno generato un segnale ribassista a Piazza Affari

ENEL, ha chiuso l’ultima giornata di contrattazione al prezzo di 7,0807 euro. Fino a quando non si assisterà ad una chiusura settimanale superiore a 7,315, i prezzi potrebbero continuare a scendere in poche settimane verso l’area di 6,55 e poi 6,15. Nel breve, un primo indizio rialzista con una chiusura giornaliera superiore a 7,163.

Generali Assicurazioni, ha chiuso l’ultima giornata di contrattazione al prezzo di 18,765 euro. Fino a quando non si assisterà ad una chiusura settimanale superiore a 19,345, i prezzi potrebbero continuare a scendere in poche settimane verso l’area di 18,17 e poi 17,63. Nel breve, un primo indizio rialzista con una chiusura giornaliera superiore a 19,265.

Italgas, ha chiuso l’ultima giornata di contrattazione al prezzo di 5,545 euro. Fino a quando non si assisterà ad una chiusura settimanale superiore a 5,768, i prezzi potrebbero continuare a scendere in poche settimane verso l’area di 5,346 e 4,90. Nel breve, un primo indizio rialzista con una chiusura giornaliera superiore a 5,61.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te