3 titoli azionari a Piazza Affari indecisi nel breve termine e se salire ancora del 3% o scendere della stessa percentuale

Ieri come da attese e come previsioni settimanali, la settimana borsistica è iniziata con un ritracciamento. Se la nostra view si rivelerà corretta, da ora in poi si dovrebbe ripartire al rialzo. La previsione settimanale è la seguente: minimo fra lunedì  e martedì  e il massimo settimanale nella giornata di venerdì. Quali sono i livelli invece per il Ftse Mib Future che farebbero mettere in discussione questa tesi rialzista?

Una chiusura odierna inferiore ai 24.345. In questo caso ci sarebbe la probabilità di assistere a discese verso area 23.800/23.730. La continuazione del rialzo invece, avrebbe il target di tempo nel 16 aprile ed in quello di prezzo, area 25.500/25.900. Questa situazione di indecisione sortisce altri effetti, infatti ci sono 3 titoli azionari a Piazza Affari indecisi nel breve termine e se salire ancora del 3% o scendere della stessa percentuale.

Oggi quindi è davvero importante, e siamo in attesa di un’esplosione di momentum decisiva di breve termine. Tutti i nostri indicatori sono ancora girati al rialzo. Il livello spartiacque è però un rialzo superiore a 24.570 per ristabilire la tendenza rialzista. Una chiusura odierna delle ore 12 o 16 superiore a questo livello darebbe nuova forza rialzista al listino azionario che tornerebbe probabilmente a correre al rialzo verso gli obiettivi poc’anzi indicati.

Quali sono i 3 titoli azionari a Piazza Affari indecisi nel breve termine e se salire ancora del 3% o scendere della stessa percentuale?

ENI, Stellantis e Telecom Italia (MIL:TIT).

ENI, ultimo prezzo a 10,572. Fino a quando reggerà al rialzo 10,414, l’obiettivo di breve è 11,10/11,50.

Stellantis, ultimo prezzo a 10,572. Fino a quando reggerà al rialzo 15,23, l’obiettivo di breve è 16,25/17,50.

Telecom Italia, ultimo prezzo a 0,4590. Fino a quando reggerà al rialzo 0,4481, l’obiettivo di breve è 0,4750/0,50.

Il cedimento dei livelli indicati invece, farebbe partire un ritracciamento di almeno il 3%.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te