3 macerati naturali per eliminare parassiti, moscerini e insetti dalle piante aromatiche e grasse al posto del sapone di Marsiglia e aglio

Le temperature finalmente cominciano ad alzarsi ed è ora di esporre in giardino e sui davanzali di casa le nostre piante più belle e ornamentali. In questo periodo, infatti, potremo sfoggiarle e riempire di colore gli esterni, con estrema soddisfazione. Soprattutto se siamo riusciti a coltivare le specie che fioriranno in questo periodo e per tutta l’estate.

Sarà ora, poi, anche di mettere fuori quelle aromatiche e quelle grasse che abbiamo protetto per tutto l’inverno. Perché si sa che il freddo è il primo nemico di alcune tipologie e potrebbe provocare irrimediabili danni ed anche la morte.

Il lato negativo dell’arrivo della bella stagione, però, riguarda il proliferare di alcuni molesti animaletti, che minacciano la salute delle nostre piante.

3 macerati naturali per eliminare parassiti, moscerini e insetti dalle piante aromatiche e grasse al posto del sapone di Marsiglia e aglio

Proprio per questo bisognerebbe prepararsi in tempo per cercare di allontanare insetti vari, e le relative larve, che si cibano delle foglie.

A volte è in parte colpa nostra, che non diamo le giuste attenzioni o non stiamo attenti alla quantità d’acqua che versiamo sul terreno. Se la terra è eccessivamente umida e ricca di sostanze organiche, infatti, insetti e moscerini, ne saranno attratti.

Molto spesso si ricorre ad alcuni semplici ingredienti che rappresentano degli ottimi repellenti per tenere lontano i parassiti e i moscerini, come, ad esempio, il sapone di Marsiglia.

Basterebbe aggiungere circa 15 grammi di questo insetticida naturale ogni litro d’acqua. Versiamo il composto all’interno di uno spruzzino e vaporizziamo, la sera o la mattina sulla pianta.

In alternativa anche al classico infuso con gli spicchi d’aglio, poi, ecco 3 macerati naturali per eliminare parassiti, moscerini e insetti.

Il più semplice da preparare è quello a base di felce, che si ottiene proprio dalla Dryopteris filix-mas e dalla felce aquilina. Per una settimana facciamo macerare in un contenitore chiuso 500 grammi di pianta fresca e 50 grammi di pianta essiccata in 5 litri d’acqua.

Non resterà, poi, che diluire 100 grammi di questo composto in un litro d’acqua.

Altri 2 tipi

Per preparare il secondo miscuglio dovremo usare il tabacco. Potremo impiegare delle foglie essiccate, 5 grammi per ogni litro o dei mozziconi da tenere in acqua per una notte. Filtriamo tutto e usiamo con estrema prudenza questo macerato, magari risciacquando la pianta 24 ore dopo averlo spruzzato.

L’ultimo preparato, invece, è a base di tanaceto, utile per difendere le nostre piante, non solo piantandola vicino quelle grasse e ornamentali, ma anche impiegandola in un macerato. Lasciamo in infusione 150 grammi di pianta fresca, o 10 grammi di quella secca, in 2,5 litri di acqua calda.

Dopo un’ora circa diluiamo ulteriormente, usando 2 parti d’acqua e una di macerato.

Lettura consigliata

I fiori da piantare in giardino o balcone ad aprile per avere una primavera ricca di colori e un’estate senza zanzare

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te