3 libri da leggere per capire qualcosa di matematica

Checché ne dica il detto, per qualcuno la matematica è un’opinione. Tra chi dà la colpa alla maestra delle elementari e chi ammette di non essere proprio portato per i conti, il popolo dei matofobia è sempre stato prolifico.

Se, a un certo punto della nostra vita, vogliamo recuperare i calcoli perduti ma rimaniamo allergici ai vecchi libri di testo, è possibile rimediare diversamente. Molti grandi scrittori, infatti, si sono appassionati alla matematica. Il risultato sono libri che la trattano in modo diverso da quello cui siamo abituati, analizzandone i significati e rendendola persino affascinante. Vediamo, di seguito, 3 libri da leggere per capire qualcosa di matematica (finalmente).

3 libri da leggere per capire qualcosa di matematica

Iniziamo con un’autrice che, di fatto, prima di impegnarsi nella narrativa, aveva scelto la matematica come professione. Si tratta di Chiara Valerio, che nel 2016 pubblica “Storia umana della matematica”. Si tratta della storia d’amore tra l’uomo i numeri, ripercorsa attraverso la narrazione di sei grandi matematici. Il libro rende meno spaventosa la materia che ha terrorizzato gran parte di noi, svelandone il lato più umano.

Il secondo libro matematico è ideale per gli appassionati di letteratura gialla. “Il teorema del pappagallo”, dello scrittore francese Denis Guedj, è un vero e proprio thriller che ci porta a scoprire i misteri della matematica. La storia ruota intorno all’ultimo Teorema di Fermat, l’enunciato che il suo autore non riuscì mai a dimostrare fino in fondo.

Pensare oltre l’infinito

Chiudiamo con il libro di un autore vulcanico, che con la matematica non avrebbe nulla a che fare – ma che poteva scrivere di qualsiasi cosa. David Foster Wallace, iconico autore del secondo ‘900 americano, s’innamorò della matematica attraverso gli studi di logica. Così, calato nella parte del matematico, scrisse “Tutto, e di più”, un coraggioso reportage narrativo sull’universo dei numeri.

La sfida di Wallace? Quella di riuscire a concepire qualcosa di più grande dell’infinito. Chi ne verrà a capo, s’innamorerà per sempre.

Consigliati per te