2 trucchi della nonna per rendere squisito anche il crème caramel della busta

Tra i dolci più amati dai nostri bambini c’è sicuramente il crème caramel. Diventato un vero e proprio dolce cult negli anni ’90, grazie alle comode e gustose preparazioni quasi pronte in bustina. Ma non ci sono solo i bambini ad amare questo semplicissimo dessert che trova l’ammirazione anche dei papà. Magari con una piccola aggiunta di liquore. Come spesso accade in cucina, quelli che risultano i piatti più semplici da cucinare possono però nascondere delle insidie. Come abbiamo visto anche ne: i segreti per non sbagliare il piatto più semplice e più difficile allo stesso tempo della cucina italiana. Ecco, allora, 2 trucchi della nonna per rendere squisito anche il crème caramel della busta.

La fretta è cattiva consigliera

Diciamoci pure la verità: il crème caramel è spesso il dolce “rifugio” di quelle occasioni che ci trovano impreparati. Con gli amici o i compagni di scuola dei figli che irrompono improvvisamente a casa e gradiscono spesso il dolcetto finale. Ecco che i preparati già pronti di panna cotta e crème caramel risultano perfetti per la nostra missione. Attenzione però a non cadere proprio nell’errore di pensare che questo dessert sia anche il più veloce da fare. Nella sua semplicità c’è infatti un errore che non possiamo permetterci: fare i grumi. Mescolare con calma sia nel caso in cui lo facciamo in maniera artigianale, sia nel caso in cui usiamo la bustina. I grumi non sono solo antiestetici ma andranno anche a rovinare il nostro dolce dopo la cottura.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

2 trucchi della nonna per rendere squisito anche il crème caramel della busta

Spesso capita che qualcuno tra i nostri stessi familiari ci chieda di dare più gusto al crème caramel. Magari con l’aggiunta di qualche aroma, di spezie particolari o di essenze profumate. L’eccezione che conferma la regola è la presenza della cannella. La ricetta originale non prevede altre presenze esterne, proprio per evitare che si perda il gusto della tradizione. Inserire degli aromi potrebbe sembrare un’aggiunta di valore, ma comporta invece il possibile cambio di gusto del nostro crème caramel.

Chiudiamo con una curiosità che riguarda l’origine di questo dessert che serviamo spesso in tavola. Nonostante il suo nome francese, le origini riportano al Portogallo, dove infatti è conosciuto col nome di latte portoghese. Può sembrarci strano, eppure proprio in questi posti esiste la “giornata nazionale del crème caramel”, che si svolge il 18 settembre di ogni anno.

Approfondimento

Ecco i 5 errori da non commettere preparando il condimento più amato dagli italiani

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te