2 titoli azionari che pesano a Piazza Affari e hanno scelto la strada del ribasso per il momento

Mercati internazionali che dopo qualche settimana di stretta lateralità e falsi segnali, con la giornata di ieri sembrano aver deciso di iniziare una fase ribassista. Sarà così? Sgombriamo subito il campo affermando che ancora nulla è deciso e quello di ieri, potrebbe rivelarsi l’ennesimo falso segnale. Alcuni segnali però sembrano chiari, infatti ci sono 2 titoli azionari che pesano a Piazza Affari e hanno scelto la strada del ribasso per il momento. A chi ci riferiamo? A ENEL e Generali Assicurazioni (MIL:G).

Facciamo prima una premessa.

Il Ftse Mib Future ieri ha chiuso la giornata di contrattazione a 23.830 dopo aver segnato il massimo intraday a 24.305. Cosa attendere da ora in poi? Fino a quando non si assisterà ad una chiusura giornaliera superiore ai 24.305, l’obiettivo è posto in area 22.600/21.500.

Come al solito si procederà per step.

Quali probabilità al momento diamo a questo scenario ribassista? 60%. La probabilità non è tanto alta ma nemmeno tanto bassa ma ci sono dei titoli guida che mostrano già un pattern ribassista con probabilità superiori all’80%. E questo è proprio il caso di ENEL e Generali Assicurazioni.

2 titoli azionari che pesano a Piazza Affari e hanno scelto la strada del ribasso per il momento

ENEL, ultimo prezzo a 8,282. Fino a quando non si assisterà ad una chiusura giornaliera superiore a 8,42, il ritracciamento potrebbe continuare fino all’area di 7,52 e poi 6,80. Una chiusura di giornata superiore a 8,42 non escluderebbe ulteriori ribassi nei giorni successivi. Questa ipotesi, fine del ritracciamento,  verrebbe presa in considerazione solo con una chiusura settimanale superiore a 8,758.

Generali Assicurazioni, ultimo prezzo a 16,97. Fino a quando non si assisterà ad una chiusura giornaliera superiore a 17,07, il ritracciamento potrebbe continuare fino all’area di 15,70 e poi 15,33. Una chiusura di giornata superiore a 17,07 non escluderebbe ulteriori ribassi nei giorni successivi. Questa ipotesi, fien del ritracciamento,  verrebbe presa in considerazione solo con una chiusura settimanale superiore a 17,015.

Seguiremo gli eventi nei prossimi giorni.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te