2 ripieni alternativi per i nostri tortellini che faranno letteralmente impazzire i nostri invitati

“Donne e tortelli se non son buoni non vanno bene”, dice un antico proverbio bolognese. Semplice ma diretto nel suo significato. D’altronde è proprio così, se i tortellini non sono buoni è una vera disgrazia. Questo piatto conosciuto e apprezzato in tutto il Mondo è oggi un vero e proprio simbolo della cucina tricolore. Sono anche molte le aziende italiane e si sono fatte conoscere in tutto il Mondo grazie ai loro tortelli industriali, ma pur sempre di valore. Un tortellino fatto in casa, con tutti i segreti tramandati di generazione in generazione è un vero e proprio Oscar alla miglior cucina. E, proprio parlando di pasta fatta in casa, ecco 2 ripieni alternativi per i nostri tortellini che faranno letteralmente impazzire i nostri invitati.

Quali sono le origini del tortellino

Ci sono memorie storiche della presenza di Sua Maestà il tortellino già nel Medioevo. Come tutti i piatti regionali è in piena competizione per la sua origine. Chi dice sia nato a Bologna, chi a Modena, chi addirittura a Castelfranco Emilia. Sta di fatto che è emiliano e non dobbiamo confonderlo col romagnolo cappelletto. In ogni caso, onore a entrambi che deliziano le nostre tavole con la loro presenza.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

2 ripieni alternativi per i nostri tortellini che faranno letteralmente impazzire i nostri invitati

Adesso che le temperature torneranno ad abbassarsi, pasta e riso freddi sono pronti a lasciar spazio ai primi piatti tradizionali. E i fantastici tortellini, sia in brodo che asciutti, sono un classico delle domeniche e delle festività. Oggi capita spesso che le giovani spose siano attirate anche dalle farciture meno tradizionali e più moderne. Non è mai facile pensare però di poter eguagliare la bontà del ripieno originale. Qualche suggerimento, proviamo però a darlo ai nostri Lettori, o meglio alle nostre Lettrici.

Gorgonzola e noci per gusti forti

Non è un ripieno nuovo, ma quello con gorgonzola e noci sta spopolando e non poco. Se vogliamo farlo in casa, assicuriamoci di acquistare un formaggio di altissima qualità e freschezza. Attenzione anche alle noci, perché potrebbe capitare di trovarle non freschissime. Ce ne accorgiamo appena aperte, sia dal rumore meno croccante che dal gusto decisamente stantio. Oltre al gorgonzola e alle noci, il ripieno richiede latte e parmigiano reggiano. Consigliamo un paio di vini audaci per l’abbinamento: un Primitivo di Manduria, rosso corposo e un Riesling del Trentino, perfetto per controbilanciare in freschezza.

Se invece vogliamo fare un “colpaccio”, ecco che un ripieno molto chic potrebbe essere quello con patate e gamberi. Preferibile usare quelli freschi piuttosto dei surgelati. Questa volta, per la gioia del pubblico femminile, suggeriamo un vino bianco e magari delicato come il Verdicchio di Jesi.

Approfondimento

Se sei abituato a scolare la pasta nel lavandino stai buttando un bene riciclabile

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te