2-3 grammi di questa spezia profumata bastano per beneficiare delle sue innumerevoli proprietà salutari

Una delle spezie più utilizzate anche in Occidente è la cannella.

Proveniente dallo Sri Lanka, viene ricavata dal cinnamono, una pianta sempreverde.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Ha un aroma molto particolare e seducente. Lievemente pungente ricorda i chiodi di garofano. In base all’uso che ne dobbiamo fare la si può acquistare in polvere o sotto forma di bastoncino marrone.

Una spezia molto versatile

La cannella piace tanto anche per la sua estrema versatilità. Sta bene sia nei dolci che nelle preparazioni salate. Ingredienti indispensabile nello strudel e nei classici biscottini natalizi, è fondamentale anche nelle ricette esotiche come il riso al curry. Infine, regala quel tocco aromatico che fa la differenza nel tè, nel caffè e sulla schiuma del cappuccino.

Oltre ad essere così gustosa, la cannella ha tantissime proprietà

Fin dai tempi antichi sono noti i principi attivi della cannella. Ha proprietà antibatteriche ed infatti viene addirittura considerata un antibiotico naturale. Possiede la capacità di abbassare i valori di colesterolo cattivo (LDL) e trigliceridi. Ha un potente effetto antiossidante e rinforza il sistema immunitario.

Apporta inoltre sali minerali come ferro, calcio e manganese.

Da tempo immemore l’antica medicina cinese impiega la cannella in caso di mal di gola, raffreddore, influenza e virus che colpiscono l’apparato gastrointestinale.

È utile anche per dare sollievo ai tipici crampi che precedono il ciclo mestruale.

2-3 grammi di questa spezia profumata bastano per beneficiare delle sue innumerevoli proprietà salutari

Attenzione però, perché le 2 sostanze che donano alla cannella quel suo caratteristico sapore possono diventare moderatamente tossiche. Stiamo parlando di cinnamaldeide e cumarina.
Esagerando con le quantità, tali sostanze possono scatenare disturbi quali acidità di stomaco e danni a carico di reni e fegato. E ancora, infiammazione della mucosa orale, dermatite, diarrea e tachicardia.

Ne consegue che, chi già soffre ad esempio di reflusso gastroesofageo o patologie epatiche e renali dovrebbe evitare il consumo di cannella.

Come per tutte le cose bisogna usare moderazione. Soprattutto in determinate situazioni. Nel caso della cannella, 2-3 grammi di questa spezia profumata bastano per beneficiare delle sue innumerevoli proprietà salutari. Si tratta di circa mezzo cucchiaino.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te