Petrolio sfiora i 51$ al barile

A cura della Dott.ssa Giovanna Maria Cristina Sambataro

Le borse americane aprono sopra la parità. Ieri sera è stato pubblicato il Beige Book, dal quale è emerso una conferma che l’economia statunitense sia in netta crescita.

Sul fronte asiatico, gli indici hanno chiuso al rialzo, non solo grazie al rally del petrolio, ma anche al dato macroeconomico cinese sul settore manifatturiero che ha superato le previsioni.

Le piazze europee, invece, aprono in territorio negativo. Solo il FTSE MIB mantiene una posizione al rialzo dovuta ai titoli energetici.

L’Opec, infatti, ieri pomeriggio ha raggiunto un accordo per un taglio della produzione giornaliera pari a 1,2 milioni di barili. Ciò ha permesso ai principali titoli italiani di trainare l’indice al rialzo, pur mantenendosi ancora sotto i 17000 punti. L’imminente referendum continua a frenare la sua corsa.

L’oro continua a deprezzarsi. Questa volta la causa portante non è il super dollaro, bensì le scelte degli investitori che preferiscono acquistare titoli che appartengono al comparto energetico.

La coppia EUR/USD rimane stabile sopra 1,0600. Alle 16:00 verrà pubblicato il dato relativo al settore manifatturiero americano. Stante alle previsioni dovremmo assistere ad una crescita, riuscirà a battere nuovamente le aspettative?

Chi vuole essere portato per mano e vuole, guadagnare costantemente sui mercati puo’ sottoscrivere l’abbonamento al Blog Riservato

 

Petrolio sfiora i 51$ al barile ultima modifica: 2016-12-01T15:58:25+00:00 da redazione

Ricevi subito un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book!

La tua privacy è tutelata al 100% secondo il D.L. 196/2003.
In qualsiasi momento potrai cancellarti dalla lista.