Indici Internazionali…Tutti fuori !!!?

Il cervo alla fonte

Questo racconto afferma che spesso si scoprono più utili delle cose lodate quelle che tu hai disprezzato. Il cervo dopo aver bevuto si fermò presso la fonte e vide nell’acqua la sua immagine. Lì mentre ammirava le ramose corna e biasimava l’eccessiva sottigliezza delle gambe, all’improvviso atterrito dalle voci dei cacciatori cominciò a fuggire e ingannò i cani con un agile corsa. Allora il bosco accolse la bestia selvatica, nel quale trattenuto dalle corna impigliate cominciò a essere sbranato dai mortali morsi dei cani. Allora, morendo si dice che abbia levato questo grido: «Oh me infelice che ora finalmente capisco quanto mi furono utili quelle cose che avevo disprezzato, e quanto dispiacere mi avevano dato le cose che avevo lodato».

Noi siamo convinti che la Storia si ripeta e attraverso gli eventi storici si possono fare delle previsioni/proiezioni serie ed affidabili.

Il 05 Ottobre 2007, siamo stati gli unici a prevedere una tempesta all’orizzonte per Wall Street, e affermammo che tale tempesta si sarebbe protratta fino al primo trimestre 2008.
Nella stessa sede, affermammo, che il Bottom del 2008 per Wall Street sarebbe stato confinato nel primo trimestre.

Ma siamo anche convinti, che il comportamento umano è sempre identico :
quando si è fuori dal tunnel, si continua a mantenere la pila accesa…

Eppure le statistiche storiche sugli anni che finivano per 8 erano chiare e semplici, tanto semplici, che forse qualcuno non ci avrà creduto :

Storicamente nell’ottavo anno, a che ritracciamento si è assistito per Wall Street ?
Ad un ritracciamento fra il 23,6/38,2% range minimo del decennio/massimo del settimo anno, e gli 11.600 di Dow Jones del 22 Gennaio, rappresentavano precisamente il 38,2%di questo ritracciamento.

Era evidente secondo le statistiche storiche , che chi avrebbe acquistato sulla parte bassa del range del primo trimestre, nei prossimi 18 mesi avrebbe avuto alta probabilità di aver concluso affari d’oro.

Ora ci troviamo in questa situazione :
Indici Europei + 12% dai minimi
Wall Street + 8/10% dai minimi
I Bot rendono il 4% ca all’anno…
E ora cosa potrebbe accadere ?
Innanzitutto, guardiamo ora in che situazione si potrebbe trovare l’investitore ?
Molti, seguendo i Profeti di Sventura, coloro che parlavano di crash epocali, coloro che leggendo i dati economici, parlavano ed euforizzavano le masse di minimi su minimi, avranno venduto sui minimi .

Eppure, i soloni delle ragioni macroeconomiche, nascondendosi dietro i loro termini forbiti, hanno sempre dimenticato di evidenziare un aspetto semplice ed elementare della Borsa e del Ciclo Economico, ma soprattutto di buon senso :

Sappiamo che i cicli dei mercati finanziari interagiscono con i cicli dell’economia. Possiamo tranquillamente dire, quindi, che Mercati Azionari e il Ciclo Economico sono due sinusoidi identiche o quasi identiche.

Come e con che cosa possiamo definire e delineare in poche parole il Ciclo Economico?

Con il PIL.

Il PIL viene usato per misurare il benessere economico di una Nazione, per cui è un “indicatore di ricchezza”. È ovvio che se il PIL di un Paese aumenta, la Nazione attraversa una fase di espansione. Viceversa se diminuisce si trova in recessione.

Storicamente a periodi di espansione, più o meno limitati, sono seguiti periodi di recessione più o meno limitati.

Possiamo esprimere delle regole semplici:

Espansione economica=Tassi di interesse in rialzo=Mercati azionari in rialzo

Recessione/rallentamento economico=Tassi di interesse in ribasso=Mercati azionari in ribasso.

Sembra di una semplicità disarmante, ma chi riesce a seguire queste piccole regole:

· Acquistare nei periodi di recessione/ rallentamento, dove i tassi sono bassi, e i Mercati azionari sottovalutati (Acquistare basso)
· Vendere nei periodi di espansione, dove i tassi sono alti, e i Mercati azionari sono alti (Vendere alto)

guadagnerà sicuramente sui Mercati azionari.
In sostanza, i Mercati azionari scontano tutto e tendono a muoversi prima del Ciclo Economico…e quindi, quando vengono pubblicati pessimi dati economici, il Mercato già li ha scontati nelle quotazioni nei precedenti ribassi…

Frattanto che nelle ” sale della Saggezza “, si discuteva : Recessione sì, recessione no, i Mercati in meno di venti giorni hanno triplicato il rendimento annuale dei Bot..

E ora cosa fare ?
Noi abbiamo acquistato di Lungo Termine sul Sell Off del 22/23 Gennaio ( basta che leggete i nostri articoli precedenti )..ed abbiamo incrementato sui minimi di Marzo…

Chi ha un’ottica di almeno 18 mesi, deve stare fermo e aspettare Agosto 2009/Gennaio 2010..
Chi ha un’ottica di breve potrebbe alleggerire le posizioni, in vista di un consolidamento : se ci sarà…
E tutti gli altri ?
Non sappiamo cosa dire : oggi dare un consiglio per chi è fuori dai Mercati è difficile !
Ma ci saranno nuovi minimi ?

Non è detto !

Indici Internazionali…Tutti fuori !!!? ultima modifica: 2008-04-05T07:41:00+00:00 da redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi subito un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book!

La tua privacy è tutelata al 100% secondo il D.L. 196/2003.
In qualsiasi momento potrai cancellarti dalla lista.