Borse europee poco mosse in attesa dell’occupazione Usa. I titoli esplosivi per il 6 gennaio

 a cura della dott.ssa Giovanna Maria Cristina Sambataro

 

La sessione europea si chiude sulla parità alla viglia dell’ultima festività: il Dax guadagna + 0,01%, il CAC +0,03%, l’IBEX +0,27%, il FTSE di Londra +0,08% e il FTSE MIB +0,08%. La direzionalità dell’indice italiano continua ad essere al rialzo nonostante la sofferenza bancaria che alla fine traina Piazza Affari agli acquisti.

Wall Street, invece, in territorio negativo dopo la pubblicazione del dato negativo relativo agli occupati del settore privato. Il super dollaro, allo stesso modo, subisce il colpo e il cambio contro l’Euro vola sopra 1,0600. I verbali pubblicati ieri sera hanno acuito la sua discesa a causa dell’incertezza sulle prossime mosse del presidente Trump.

Lo yen, in tale prospettiva, acquista nuovamente terreno contro il dollaro ed è scambiato a 115,49.

Le scorte americane, invece, hanno stupito gli analisti mostrando un ulteriore discesa rispetto alle previsioni.

Le altre commodities continuano la strada rialzista grazie alla debolezza del dollaro.

Per consultare il calendario economico di domani messo a disposizione da investing.com

Domani alle ore 14:30 verranno pubblicati sia le buste paga del settore non agricolo sia il tasso di disoccupazione. Tali dati possono influenzare le decisioni della FED in vista del prossimo meeting previsto per la prossima settimana.

Piazza Affari: titoli selezionati con probabile MAX/MIN e livelli di trading

In questa sezione curata dallo Staff di Proiezionidiborsa, riportiamo giornalmente i titoli che hanno dato un probabile segnale di minimo o di massimo.

Questi dati esulano dalla nostra operatività nel Blog Riservato, ma sono segnali che verranno spiegati in un prossimo Ebook. Nel momento in cui l’ordine è eseguito, si posiziona uno stop-loss sotto il minimo/sopra il massimo della giornata.

Se la posizione diventa profittevole, si utilizza un trailing stop per proteggere una parte del guadagno teorico raggiunto.

Titoli con probabile MINIMO (entrare LONG)

Luxottica

EntryPoint = 49,80

StopLoss = 48,27

 

Titoli con probabile MASSIMO (entrare SHORT)

A2A

EntryPoint = 1,250

StopLoss = 1,271

Azimut

EntryPoint = 16,93

StopLoss = 17,55

Banco BPM

EntryPoint = 2,682

StopLoss = 2,87

Intesa Sanpaolo

EntryPoint = 2,52

StopLoss = 2,584

Mediobanca

EntryPoint = 8,13

StopLoss = 8,33

Recordati

EntryPoint = 27,20

StopLoss = 28,00

Salvatore Ferragamo

EntryPoint = 23,47

StopLoss = 23,96

Unipol

EntryPoint = 3,544

StopLoss = 3,610

UnipolSAI

EntryPoint = 2,12

StopLoss = 2,144

 

In questa  sezione riportiamo giornalmente quei titoli che mostrano una compressione della volatilità e che potrebbero essere in procinto di “esplodere”.

NOTA BENE: in questa sezione non viene indicato in che direzione il titolo esploderà, ma solo che sta per farlo.

A2A

BPER Banca

EXOR

Ferrari

Poste Italiane

Saipem

Tenari

Unicredit

UnipolSAI

Borse europee poco mosse in attesa dell’occupazione Usa. I titoli esplosivi per il 6 gennaio ultima modifica: 2017-01-05T19:58:42+00:00 da redazione

Scarica il report gratuito!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il report di 86 pagine con l'Outlook per il 2017

La tua privacy è tutelata al 100% secondo il D.L. 196/2003.
In qualsiasi momento potrai cancellarti dalla lista.